Il cuore nuovo che uccide. 14 interrogativi senza risposta!

cuore.jpgda Lega nazionale contro la predazione di organi e la morte a cuore battente
www.antipredazione.org

Il 20 dicembre 2009 il quotidiano “Il Fatto” pubblica un articolo dal titolo “Il cuore nuovo che uccide” in cui si racconta la storia di Silvia Trabalzini, 34 anni, giornalista, morta durante il trapianto il 04/07/2008. Solo ora i fatti sono resi pubblici. Sorgono spontanei alcuni interrogativi:

Silvia scrive un sms agli amici “E’ arrivato un cuore nuovo per me”. Come può ridursi una persona ad usare termini così banalmente utilitaristici, che mercificano la vita degli altri?

La telefonata della disponibilità di un cuore è arrivata a Silvia mentre stava lavorando in qualità di responsabile dell’Ufficio Stampa al Comune di Grosseto, quindi in piena attività. Da cosa era determinata allora l’urgenza? Non è forse vero che i trapianti si effettuano quando il malato sta relativamente “bene” e non quando il paziente è troppo grave?

Chiamata al telefono il 3 luglio, operata il 4 dalle ore 2 alle 16.30 e un’ora dopo i medici comunicano che non c’è più niente da fare. Non si fanno indagini mirate prima di tale intervento?

Era in lista d’attesa da 3 mesi. Come mai tanto “privilegio”, ma non si lamentano sempre che mancano gli organi? Non è forse vero che in tutti gli ospedali abilitati al trapianto si deve superare la soglia del 50% dell’attività minima prevista dagli standard per non vedersi revocare l’idoneità all’attività trapiantistica? (L. 91/99 art. 16)