Privacy, Garante: sì a uso dati senza consenso per ricerca scientifica

privacy,garante,consenso,ricerca scientificada Help Consumatori

Il Garante Privacy ha deciso di autorizzare l’uso di dati personali sulla salute, anche senza consenso informato, per scopi relativi alla ricerca scientifica in campo medico, biomedico o epidemiologico. L’autorizzazione è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 26 marzo ed è valida dal 1° marzo fino al 31 dicembre 2012 per le strutture universitarie e sanitarie che rispondono a una serie di requisiti precisi.

Niente consenso informato, dunque, per scopi di ricerca ben precisati. Il Garante Privacy, si legge nel provvedimento, “autorizza il trattamento dei dati personali idonei a rivelare lo stato di salute degli interessati, anche in assenza del loro consenso informato, per scopi di ricerca scientifica in campo medico, biomedico o epidemiologico” nel rispetto di alcuni limiti. L’autorizzazione viene rilasciata a università, altri enti o istituti di ricerca e società scientifiche, e ai ricercatori che vi operano, agli organismi sanitari e a chi esercita professioni sanitarie.

Privacy, Garante: sì a uso dati senza consenso per ricerca scientificaultima modifica: 2012-03-29T14:00:00+02:00da consumatori
Reposta per primo quest’articolo