Terremoti, tsunami, tornado. Il mondo ci crolla addosso, e noi li’ a litigare col vicino?

tornadoAlabama.jpgda Aduc – di Vincenzo Donvito

Piu’ di trecento morti e piu’ di duemila feriti, al momento. Sono dati che arrivano dagli Usa sugli effetti devastanti dei tornado che da giorni stanno spazzando alcuni Stati meridionali, in particolare l’Alabama.
Se pensiamo a quando fenomeni atmosferici avvengono in posti disgraziati dal punto di vista strutturale, tipo Bangladesh, ci vengono i brividi perche’ cio’ possa accadere e con un cosi’ tragico strascico di vittime. E poi c’e il Giappone, con tsunami e centrali atomiche e le migliaia di morti. E poi, e poi… l’elenco non finisce e non finira’.
Cio’ che stupisce
, rispetto agli Usa, e’ che questo bilancio di vittime sia avvenuto in uno dei luoghi al mondo piuì’ evoluti dal punto di vista strutturale, urbanistico e civico. Proprio come in Giappone. Ma se in quest’ultimo Paese sembra che proprio l’organizzazione infrastrutturale abbia evitato un peggio maggiore di quanto peggio ci sia stato (capitolo a parte la centrale nucleare), non si capisce perche’ gli Usa siano stati cosi’ gracili rispetto a fenomeni atmosferici conosciuti, preannunciati e diverse volte manifestatisi in passato.
Forse lo sapremo quando le cronache saranno solo di ricostruzione. Forse.

Terremoti, tsunami, tornado. Il mondo ci crolla addosso, e noi li’ a litigare col vicino?ultima modifica: 2011-05-01T14:00:00+02:00da consumatori
Reposta per primo quest’articolo