No al nucleare in Lombardia ed in Italia

no_nucleare.jpgdi Alfonso Navarra

La notizia di questi giorni è che il governo ha deciso di impugnare di fronte alla Corte costituzionale le tre leggi regionali con cui Puglia, Campania e Basilicata vietano l’installazione di centrali nucleari nei
rispettivi territori.
Con una decisione ispirata ad un becero centralismo viene così smentito il federalismo da osteria di cui tanto
si vanta la Lega Nord. Da mesi Regioni e governo si trovano contrapposte sull’atomo cosiddetto civile. Il 27 gennaio scorso la Conferenza delle Regioni ha bocciato a maggioranza il piano da 13.000 Megawatt nucleari (4 reattori EPR francesi già concordati, presumibilmente altri 6 AP1000 USA, con una seconda cordata in via di
costituzione). Le uniche a votare contro sono state la Lombardia di Roberto Formigoni, assieme al Veneto e al Friuli Venezia Giulia. 11 Regioni si sono rivolte alla Corte Costituzionale con un ricorso contro la norma che prevede la possibilità di avviare la costruzione di una centrale nucleare o di un impianto di trattamento delle scorie anche in
presenza di un parere contrario degli enti locali e delle Regioni interessate, perdipiù militarizzando i siti scelti.
Il pronunciamento è atteso per giugno.
L’IDV, come è noto, ha presentato una richiesta abrogativa di referendum contro la legge 99/2009, il decreto “Sviluppo” che fa da base per il ritorno del nucleare in Italia, ma si è dichiarata disposta a concordare tempi e modi dell’iniziativa con un più largo fronte di partiti, associazioni, movimenti.
Oggi il movimento di Di Pietro apre il suo congresso. Speriamo che la discussioni porti consiglio: scarti una logica elettoralistica di breve periodo e valuti un uso accorto dello strumento referendario, per contenuti, modalità e tempi (sarebbe il caso di aspettare lo step della definizione delle zone per poter contare sull’appoggio “incazzato” della fascia “nimby” della popolazione).

No al nucleare in Lombardia ed in Italiaultima modifica: 2010-02-08T15:00:00+01:00da consumatori
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “No al nucleare in Lombardia ed in Italia

  1. Il popolo Italiano ha votato contro il nucleare, ora i Predoni delle Libertà vogliono annullare la volontà popolare per i loro interessi.Cosi, oltre al problema dello smaltimento dei rifiuti ordinari avremo pure quello delle scorie radioattive.

I commenti sono chiusi.