Consulenti finanziari e Regolamento Consob. Nota dell’Aduc per la tutela del risparmiatore: totale assenza di conflitto di interessi

borsa.jpgda Aduc – a cura dell’avv. Libero Giulietti, dello studio legale dell’associazione

Formuliamo la presente con riferimento all’ultima modifica effettuata, in tema di conflitto di interessi, da codesta Commissione, agli articoli 26 (ora 25) intitolato, appunto, “Conflitti di interesse” e 12 intitolato “Regole generali di comportamento” (in particolare c. 1 lett. e) dello schema di Regolamento.
Delle due norme indicate, quella che maggiormente viene in rilievo è l’articolo 25 dal momento che l’articolo 12 ne costituisce, in qualche modo, una derivazione.
Nella precedente stesura dell’articolo 26 era previsto che i consulenti finanziari dovessero:
1 – identificare i conflitti di interesse;
2 – gestirli in modo da realizzare, comunque, l’interesse dei clienti;
3 – astenersi quando, nonostante le misure prese, non vi fosse stata la ragionevole certezza di evitare un pregiudizio al cliente.
In accoglimento di autorevoli osservazioni, tale obbligo di astensione è stato eliminato poiché – si sostiene – non se ne rinviene il fondamento nella norma primaria e poiché esso “introduce una discriminazione ingiustificata con il trattamento riservato agli intermediari” (cfr. osservazioni all’articolo 12).
In conseguenza di ciò, nell’attuale articolo 25 è stata introdotta una previsione diversa mutuata, in parte, dall’articolo 23 del Regolamento Banca d’Italia/Consob 29 ottobre 2007 (RC), secondo la quale, quando non vi è modo di superare il conflitto – vale a dire quando non si raggiunge una ragionevole sicurezza che l’attività possa essere svolta nel rispetto dell’interesse del cliente – scatta per il consulente un obbligo di informazione circa l’esistenza del conflitto dopo di che sarà il cliente che dovrà scegliere il comportamento da tenere.

Consulenti finanziari e Regolamento Consob. Nota dell’Aduc per la tutela del risparmiatore: totale assenza di conflitto di interessiultima modifica: 2009-12-07T14:04:00+01:00da consumatori
Reposta per primo quest’articolo