ADOZIONE BIMBI DA PARTE DEI SINGLE. L’ITALIA NON RISPETTA LE CONVENZIONI INTERNAZIONALI

bimbi.jpg

Intervento della Senatrice Donatella Poretti segretaria della Commissione Sanita’

DonatellaPoretti.jpgIn Italia per adottare un bimbo e’ necessario che ci sia una coppia unita in matrimonio. Un requisito che cozza con la convenzione di Strasburgo del 1967 che, resa esecutiva nel nostro Paese con la legge 357/1974, prevedeva invece che anche un single potesse procedere all’adozione. Palese violazione? Fino ad un certo punto, perche’ con un italico stratagemma si e’ consentita l’adozione ai single solo nei confronti di bimbi disabili o difficili. Una diabolica invenzione di serie B.
Ma se un tribunale deve scegliere quanti appaiono maggiormente in grado di corrispondere alle esigenze del minore, perche’ pregiudizialmente cio’ non e’ consentito per un single? Chi puo’ escludere che ci possa essere un singolo in grado di dare al minore un apporto affettivo ed educativo maggiore o uguale di quello che puo’ abitualmente fornire una coppia?
Nel frattempo la Commissione Europea, in maggio 2008, anche in virtu’ delle carenze legislative italiane, ha emanato una raccomandazione agli Stati membri, che ricorda di adottare una normativa che permetta l’adozione per single.

(nella foto l’On. Donatella Poretti)

ADOZIONE BIMBI DA PARTE DEI SINGLE. L’ITALIA NON RISPETTA LE CONVENZIONI INTERNAZIONALIultima modifica: 2009-03-10T17:00:00+01:00da consumatori
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “ADOZIONE BIMBI DA PARTE DEI SINGLE. L’ITALIA NON RISPETTA LE CONVENZIONI INTERNAZIONALI

  1. Trovo assurdo che in un paese, cosidetto ‘civile’, non sia ancora possibile l’adozione di un bambino da parte di un single e farei di tutto affinché questo potesse realizzarsi.Francesca Leonardi

  2. Invece io penso che per il bene del minore e della società sia più che opportuno riservare l’adozione alle coppie sposate.Apprendo poi con dolore che l’on. Poretti considera “di serie B” l’adozione di disabili e difficili. Ma non si vergogna?

  3. a mio avviso è giusto consentire anche ai single di adottare un bambino perchè anche una pesona che purtroppo per varie circostanze è rimasta sola ha diritto ad avere un bambino sul quale sicuramente riverserà tutto il suo amore.Io se ci fosse la possibilità ne adotterei uno.anzi vorrei essere informata su come prcedere rigaurdo all’adozione.grazie cordiali saluti

  4. Sì, anch’io trovo assurdo che l’Italia come al solito faccia come vuole…. L’avere accanto un partner non fa atomaticamente di una persona un migior genitore.Per come la vedo io è meglio che un bambino abbia accanto almeno una persona che lo ami, che lo curi e lo aiuti a crescere piuttosto che rimanere in un orfanotrofio. E poi, un single non vive né fuori dal mondo né fuori dalla società: ha sicuramente una famiglia d’origine con genitori, zii, fratelli, cugini, amici, conoscenti….tutte persone che entrerebbero a far parte della vita di questo bambino. Spero che il governo italiano dia prova sia di modernità che dell’essere veramente vicino al sentire dei suoi cittadini. Io da single adotterei e spero di poterlo fare.

  5. Credo che nessuno metta in dubbio che una coppia di genitori sia preferibile ad un single, relativamente all’adozione, ma chi può dire a priori che QUELLA DETERMINATA coppia sia meglio del single? Facendo l’insegnante di scuola primaria vedo tante realtà familiari che hanno davvero dell’incredibile e non possono dirsi “normali”: famiglie “allargate”, con bimbi che hanno due mamme, due babbi….quattro nonne, quattro nonni…e questo purtroppo accade sempre più spesso perchè sempre più coppie si dividono. Almeno il single può avere il vantaggio di proporre un solo modello educativo e non disorientare il bambino che non sa più chi deve ascoltare e chi no. Inoltre la consapevolezza della difficoltà e soprattutto dell’impegno che un’adozione da single comporta non può essere che portatrice di tanto amore e tanta voglia di trovare qualcuno da amare per essere amato. Spero davvero che il Governo si muova e l’Italia non sia sempre il fanalino di coda, ma mostri di essere capace di prendere una posizione in tempi rapidi, per il bene di chi (come me) aspetta fiducioso….

I commenti sono chiusi.