CITTADINANZATTIVA MOLISE: SOSTEGNO A BERTOLASO CUI SI DEVE AIUTO E DISPONIBIOLITA’ PER IL TERREMOTO DI SAN GIULIANO

                                                              bertolaso1.jpg

 

              

 

da prof. Maria Grazia Tagliaferri – Segretario Regionale Cittadinanzattiva Molise

Scrivo queste poche righe – e ne assumo la piena responsabilità- a margine di un increscioso mare di cronaca che ci ha investito  in questi personaggio italiano che tutto il mondo ci invidia.

Oggi,  chi scrive è a capo della segreteria regionale del Molise di Cittadinanzattiva, una organizzazione diffusa su tutto il territorio nazionale, che molto opera,  da tanti anni, sul fronte dei diritti negati dei cittadini. Ed è dunque a nome di migliaia di iscritti, che invio queste riflessioni affinché, accanto alla massiva profusione di tanta  informazione denigratoria, possa anche sentirsi  il rumore assordante delle opere compiute da Guido Bertolaso, per decine e decine di anni, quando era un po’ più lontano dalle stanze del potere.

Monitorando in queste ore l’umore generale e per il ruolo a cui devo il mio operato, devo riportare sdegno e sconforto da parte dei cittadini. Nel solo Molise, oggi, migliaia di persone, ancora ricevono il soccorso concreto, reso da Bertolaso, per decisioni serie e oggettive che egli ha saputo prendere molte volte, contro il volere di chi governava in quel momento, nelle realtà locali. E lo faceva, semplicemente perché era giusto, perché egli ne aveva evidenze scientifiche e perché queste significavano pericolo per migliaia di persone.

 

san giuliano.jpgOggi, un tormentone investe il mondo con il solo scopo di oscurare l’immagine di Guido Bertolaso.

Bene, dentro il tormentone arrivi anche un altro messaggio: siamo tutti  stanchi di chi gestisce la storia nazionale con l’unico intento di brutalizzare  e deviare la realtà di fatti certi, conclamati ed evidenti agli occhi di milioni di persone perché, tali azioni, producono solo risultati negativi. A livello internazionale, sono un dannoso volano per l’Italia intera; a livello nazionale, tali fatti incresciosi, contribuiscono fortemente  a umiliare la già debole convinzione, che il nostro paese possa riprendersi dalla grande crisi  economica, istituzionale, politica e morale, con cui ogni onesto cittadino, deve misurarsi ogni giorno.

 

 Questa ennesima azione, offende fortemente chi, ogni giorno, è provato dalla difficoltà del vivere,  al punto che non riesce più neanche a urlare che ha bisogno del lavoro delle istituzioni perché esse producano fatti veri e utili,  non tormentoni lesivi  dell’Italia vera, quella che lavora e spera ogni giorno, da troppi anni ormai.

 

Pertanto, la sede Regionale del Molise di Cittadinanzattiva, esprime pubblicamente forte dissenso verso questo  ulteriore, grave esempio di informazione, che non appare  orientata verso la produzione di un servizio,  che possa  trasformarsi  in azioni necessarie e utili al benessere di tutti i  cittadini. All’Italia di oggi, servono opere e fatti concreti. E per quanto riguarda il caso in questione, vi sono milioni di fatti veri, dappertutto, che parlano di lui e per lui. Siamo in milioni a saperlo. Siamo milioni, quelli che non  sono disposti affatto a dimenticarlo perché quelle sue opere, hanno costituito fatti concreti di  bene civico e salvezza pubblica, tangibili, evidenti, presenti e  veri.

 

 

 

 

Un pensiero su “CITTADINANZATTIVA MOLISE: SOSTEGNO A BERTOLASO CUI SI DEVE AIUTO E DISPONIBIOLITA’ PER IL TERREMOTO DI SAN GIULIANO

  1. Sono perfettamente d’accordo con quanto espresso dal Segretario Regionale. Pur vivendo a Milano. Sono rimasto sbalordito dalle modalità con cui testate giornalistiche e molte trasmissioni televisive si sono rivolte a G. Bertolaso. Troppo spesso con la sarcastica presunzione di aver già capito tutto della vicenda e perciò legittimate a “sputtanare”, a prescindere e comunque. Ieri sera mentre ascoltavo le affermazioni pesanti di alcuni presenti alla trasmissione Ballarò, mi sentivo personalmente a disagio ed offeso: che nemmeno un minimo – ma serio – ragionevole dubbio venisse concesso a Bertolaso, nonostante, appunto, abbia condotto in questi anni un apparato pubblico che, a differenza di tanti altri, ha concretamente aiutato gente comune in difficoltà vere. Come è possibile? Mi domando, che si consenta di demolire con tale leggerezza qualcosa che costituisce un valore importante per tutti noi. E proprio ora, in cui ogni giorno ci si sente un pò più piccini e meschini, per quanto piccini e meschini sono coloro cui affidiamo le nostre sorti, i nostri beni comuni e la nostra storia.Affido queste due righe alla speranza convinta che anche ove Bertolaso venga riconosciuto colpevole di qualche illecito, gli sia data la possibilità di dimostrare le sue ragioni, ma che non debba farlo davanti a corti mediatiche sommarie, dove tutto e il contrario di tutto passa nell’istante di una notte. Lo merita lui, come chiunque altro, e lo merita un bene prezioso per il nostro paese, quale è la Protezione Civile. Paolo Antonucci

I commenti sono chiusi.